2022 PATTO GENERALE DI COLLABORAZIONE BANNER SITO FIU

data evento: 30-09-2022

Sono 27 le associazioni e le soggettività che hanno firmato il nuovo Patto di collaborazione per la promozione e la tutela dei diritti della comunità Lgbtqia+ al termine di un percorso facilitato dalla nostra Fondazione.

Quasi raddoppiate rispetto al precedente Patto, tutte hanno partecipato attivamente al percorso di scrittura del patto che si è svolto in due fasi, di co-programmazione e di co-progettazione, sviluppate tra maggio e giugno del 2022, fino alla sottoscrizione del Patto che è avvenuta lo scorso 29 settembre presso i nostri spazi di Bologna Attiva a DumBO, alla presenza della vicesindaca Emily Clancy, che ha tra le deleghe i Diritti LGBTQIA+.

Il Patto 2021-2026, nel solco del patto precedente, presenta alcune importanti novità.

Nel percorso sono stati coinvolti in modo trasversale tutti i settori dell'Amministrazione: hanno partecipato attivamente fin dalla co-programmazione funzionarie/i e/o dirigenti dell’Area Educazione, istruzione, nuove generazioni, del Dipartimento Welfare e promozione del benessere di comunità, del Dipartimento Cultura, Musei civici Bologna, Sport e Promozione della Città, del Dipartimento Urbanistica, casa e ambiente, dei Servizi demografici, del settore Innovazione, semplificazione e cura delle relazioni con il cittadino e del settore Polizia Locale del Comune di Bologna. Il coinvolgimento dei settori è rimasto fino alla fine della fase istruttoria dei singoli progetti e sarà mantenuto anche in fase di attuazione e valutazione.

Tra le novità, infatti anche l'istituzione di un Tavolo di monitoraggio e valutazione sull’attuazione, l’aggiornamento e l’impatto sociale del Patto di collaborazione, aperto a tutte/i le/i sottoscrittrici/tori, in raccordo con la Giunta comunale.

L'Amministrazione comunale si è impegnata a individuare altri spazi, oltre a quelli già in uso, per rispondere sempre più alle istanze e ai bisogni avanzati emersi durante la co-programmazione e la co-progettazione.

Infine, l'enfasi del nuovo Patto è stata quella di facilitare momenti strutturati di approfondimento, scambio e formazione tra le associazioni LGBTQIA+ e i servizi, in particolare in ambito socio-sanitario, per una maggiore conoscenza dei servizi erogati e per un consolidamento della rete, promuovendo la partecipazione di altri stakeholder e istituzioni, tra i quali l’Ausl e Asp Città di Bologna.

I progetti del Patto sono complessivamente 104, di cui: 22 sull'asse tematico servizi alle persone; 40 sull'asse tematico educazione e formazione; 42 sul'asse tematico cultura e socializzazione.

Queste le associazioni e i gruppi che hanno sottoscritto il Patto: Agedo Bologna "Flavia Madaschi; Aicis Costruire Comunità Empatiche- AICIS ID 2.0 Per la comunità LGBTQIA+; Arcigay IL Cassero LGBTI Center; Attitudes- spazio alle arti; Aulos; Bside Pride; Bogasport; Centro risorse LGBTI; Centro Educazione e Studi sulla Discriminazione; Famiglie Arcobaleno; Frame; Gay lex; Gruppo Trans; IAM- Intersectionatities and more; Komos; La Tenda di Gionata; Lesbiche Bologna; Luki Massa; MIT - Movimento Identità Trans; Nove Punti; P.O.S.T.; Period Think Tank; Plus - Rete di persone LGBT+ sieropositive; Polis Aperta; Associazione Rete Attraverso lo Specchio; Rete Genitori Rainbow; Selene Centro Studi Ekodanza.

Ma il Patto resta aperto, sia a nuove adesioni di altri soggetti interessati, sia ad eventuali progettualità future che vengano condivise con il Tavolo di monitoraggio, attuazione e aggiornamento del Patto.

firmapatto

Save
Cookies user preferences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline
Joomla
Unknown
Accept
Decline