Nella zona a nord-est della città, al Pilastro e nel territorio circostante, sono in corso importanti trasformazioni: dal progetto di un grande parco agroalimentare alla costruzione di nuovi alloggi, alla creazione di nuovi servizi e spazi pubblici.
Il progetto del parco agroalimentare, promosso da CAAB Centro Agro Alimentare di Bologna, in collaborazione con il Comune di Bologna e grazie al contributo di Eataly, nasce dall'idea di creare un grande spazio di circa 80.000 mq con funzione produttivo-espositiva e vaste aree di ristorazione, commercializzazione dei prodotti e un centro congressi per studio, ricerca, presentazioni.
La nuova "Fabbrica Italiana Contadina" (F.I.CO.) intende diventare un punto di riferimento museale, gustativo, commerciale e didattico per un pubblico vasto ed eterogeneo, ospitando numerose attività legate ai temi dell'agricoltura: dalla coltivazione e l'allevamento, alla trasformazione, alla produzione, alla vendita fino al consumo al dettaglio dei prodotti. La presenza dell'intera filiera degli alimenti consentirà di sviluppare iniziative di tipo dimostrativo e formativo.

Da un punto di vista urbanistico-edilizio, si tratta di un intervento di rigenerazione che non altera in modo strutturale l'aspetto delle aree e delle infrastrutture esistenti ma ne modifica le funzioni. F.I.CO. sorgerà infatti nella struttura principale del CAAB, che sarà liberata dalle attività mercatali, che a loro volta saranno riorganizzate e rese adeguate (per dimensione, servizi offerti, organizzazione, tecnologie, sostenibilità
gestionale) alle esigenze di un moderno mercato all'ingrosso.

Poiché si stima un afflusso di alcuni milioni di visitatori e turisti ogni anno, il progetto di trasformazione dell'area sarà accompagnato da un potenziamento dell'accessibilità: la prima misura promossa da TPER (Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna) prevede di affiancare alle linee di trasporto pubblico esistenti delle linee dedicate che collegheranno ogni 15 minuti il parco agroalimentare e la stazione ferroviaria con un percorso diretto di circa 30 minuti. A questo scopo verranno utilizzati dei mezzi ecologici ad alta capacità. Verrà inoltre potenziata la fermata Fiera del Servizio Ferroviario Metropolitano (progetto finanziato).
L'apertura è prevista tra la fine del 2015 e l'inizio del 2016, a conclusione
di EXPO Milano 2015.

Dati
> Superficie dell'area: circa 80.000 m²

> Progetto: CAAB Centro Agro Alimentare di Bologna, Comune di Bologna, Eataly
> Investimento pubblico/privato: più di € 80..000.000

Render FICO1